Cyber Post Graduate Program CEFRIEL

Cyber Post Graduate Program CEFRIEL image
Deloitte logo
Publicado el 31 de Mayo

Deloitte

Dati privati, proprietà intellettuale, infrastrutture critiche e anche la difesa Nazionale possono essere compromessi da Cyber Attacks intenzionali, incidenti informatici, oltre che dalle vulnerabilità del panorama Internet globale. Questo è il focus dei professionisti Cyber Risk di Deloitte Risk Advisory, che ogni giorno lavorano al fianco di grandi gruppi industriali, finanziari e privati, oltre che ai Governi e alle Istituzioni Nazionali.

In questo contesto, la service line Cyber Risk di Deloitte Risk Advisory ha ideato un corso di perfezionamento strutturato attraverso un Post-graduate Program, in collaborazione con Cefriel – Politecnico di Milano, focalizzato su tematiche cyber, e indirizzato a una classe di giovani talenti che, parallelamente all’attività sul campo, costruiranno le competenze necessarie ad affrontare il mondo della sicurezza informatica.

Se vuoi lavorare in questo mondo apprendendo le principali tematiche Cyber Security, non perdere l’occasione di entrare a far parte del nostro team! 

Visita la pagina dedicata e candidati.


Per scoprire di più leggi le esperienze dei colleghi che hanno intrapreso un simile percorso di lavoro e formazione, come quella di Marco Sarcina, Risk Advisory Analyst, e Maria Laura Bianco, Cyber Security Consultant, in Deloitte Risk Advisory.

Ciao! Parlaci di te e del tuo ruolo in Deloitte.

MARCO: Ciao, sono Marco Sarcina e da poco più di un anno sono entrato a far parte di Deloitte. Ho una laurea magistrale in Ingegneria Informatica conseguita al Politecnico di Bari. Prima di unirmi a Deloitte ho preso parte a due stage all’estero (Spagna e Portogallo) e, da qualche anno a questa parte, ho sviluppato una forte passione in quel ramo dell’informatica rappresentato dal mondo della Cyber Security.
Deloitte mi ha permesso di esplorare questo mondo sotto diversi punti di vista e soprattutto dandomi la possibilità di approfondire molti concetti permettendomi di partecipare ad un corso formativo.
Il primo anno lavorativo in Deloitte sono stato inserito su progetti legati al software gestionale SAP, su cui mi sono principalmente occupato di attività di definizione di modello autorizzativi e di implementazione di questi ultimi sul sistema stesso. Nello specifico si traduce in compiti che prevedevano di specificare dei ruoli appropriati da assegnare alle diverse figure aziendali in modo da non incorrere in azioni fraudolente sia intenzionali che non da parte dei vari utenti.
Da poco più di un mese mi sono tuttavia spostato in un’altra Market Offering, sempre facente parte di Deloitte Risk Advisory, i cui progetti prevedono attività di Analisi delle Vulnerabilità e di Penetration Testing su applicativi web e non.

MARIA LAURA: Ciao, sono Maria Laura Bianco, ho 26 anni e sono laureata in Ingegneria Gestionale presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Da circa due anni sono in Deloitte Risk Advisory, dove attualmente ricopro il ruolo di Cyber Security Consultant. Appena entrata in Deloitte ho avuto la possibilità di inserirmi in un contesto lavorativo stimolante e contemporaneamente di frequentare, insieme ad altri colleghi, un percorso di studi in Cyber Security che mi ha consentito di approfondire alcune tematiche trattate nell’ambito dei progetti lavorativi. Insieme al mio team, ho l’opportunità di supportare clienti operanti in diversi settori, lavorando quotidianamente su argomenti eterogenei di advisory principalmente in ambito SOC, CERT e Cloud Security, confrontandomi con figure più senior e aiutando quelle più junior. Inoltre, ho anche l’occasione di occuparmi di tematiche più prettamente organizzative e gestionali, insomma non ci si annoia mai! Sono un’amante del mare, e mi piace trascorrere il tempo libero con i miei amici e con il mio compagno a quattro zampe.

Quale tematica appresa nel corso hai avuto modo di applicare nel tuo lavoro?

MARCO: Il corso che sto seguendo, in contemporanea con le attività lavorative, mi ha aiutato tantissimo ad approcciare le diverse attività, in entrambe le tipologie di progetti sopra citati, in maniera molto più strutturata, fornendomi anche delle conoscenze aggiuntive che, diversamente, avrei dovuto coprire in totale autonomia; oltre a questo, ha avuto un forte impatto anche sulle mie capacità organizzative e di Team Leader, aiutandomi, quando si è reso necessario, a gestire l’ordine dei task sulla quale ero schedulato e ad interfacciarmi coi colleghi. Le tematiche coperte dal corso spaziano infatti da argomenti molto tecnici ad alcuni più legati al Team Building, e per ognuno di essi è previsto un approccio si teorico che pratico.

MARIA LAURA: Tra le varie tematiche trattate dal corso di studi, ho trovato molto utile quanto appreso durante il modulo di Risk Management, competenze che ho avuto modo di applicare a vari progetti nei quali sono stata coinvolta. Tuttavia non abbiamo trattato temi esclusivamente di Cyber Security, poichè abbiamo affinato anche numerose soft skill attraverso corsi specifici e grazie alla possibilità di lavorare spesso in team. Il lavoro di gruppo consente infatti di apprendere nuovi punti di vista, condividere idee e spunti di riflessione, accettare consigli ed esprimere le proprie idee senza timore, ed è fondamentale per i progetti svolti in ambito lavorativo. Infine dell’esperienza formativa ho anche particolarmente apprezzato la possibilità di confrontarmi sia con professionisti di Deloitte sia con specialisti di Cyber Security.

Una parola chiave per rappresentare questa esperienza? E per quale motivo?

MARCO: La parola che vorrei utilizzare per descrivere questa esperienza è “crescita”. Sembra quasi scontata, oltre che banale, ma alla fine rappresenta quello che ogni new entry si aspetta quando finisce in una realtà come questa, ovvero la possibilità di mettersi alla prova sfruttando quanto appreso durante il suo percorso di studi ed allo stesso tempo aumentare il proprio bagaglio di conoscenze per sentirsi completo e sicuro in quello che fa.

MARIA LAURA: È difficile trovare una singola parola chiave per rappresentare questa esperienza, nella quale si entra a far parte di un ambiente dinamico, giovanile e in continua evoluzione, dove le parole “adattamento”, “flessibilità” e “curiosità” sono all’ordine del giorno. Riuscire a conciliare lo studio con il lavoro, mi ha permesso di imparare a gestire al meglio il mio tempo e ad attribuire le giuste priorità alle attività da svolgere, senza dimenticare anche hobby e impegni personali. Non mancano i momenti più challenging, che tuttavia rappresentano un momento di crescita sia personale sia professionale e che si superano anche grazie alla collaborazione con i colleghi di team e al continuo confronto con figure più senior.