Tutored incontra Alberto, RPA Analyst in Engie Italia

Tutored incontra Alberto, RPA Analyst in Engie Italia image Tutored incontra Alberto, RPA Analyst in Engie Italia
Pubblicato 25 Agosto

Determinazione, fame di sapere e passione hanno spinto Alberto ad iscriversi ad un secondo percorso di laurea magistrale in ambito tecnologico e dell'innovazione.


Tutored è il punto di incontro tra studenti, giovani laureati e aziende. All’interno della nostra piattaforma, gli utenti possono scoprire gli sbocchi lavorativi in base al loro percorso di studio, esplorare le aziende e candidarsi alle numerose opportunità di stage, lavoro e graduate program. 

All’interno della piattaforma, ci piace raccontare le storie di giovani talenti che hanno fatto un percorso di studio brillante e oggi lavorano presso importanti realtà. 


In quale università hai studiato e quale percorso di studi hai scelto?


Concluse le scuole superiori ed ottenuto il diploma come Perito Commerciale e Programmatore ero fortemente indeciso circa quale percorso universitario intraprendere. Informatica o Economia? Entrambi gli ambiti mi interessavano ed incuriosivano, ed alla fine ho scelto Economia Aziendale. 

Ho conseguito la laurea triennale presso l’Università degli Studi di Urbino nel 2016 e ad ottobre dello stesso anno mi sono inscritto al corso di laurea magistrale in Scienze Economiche e Finanziarie - Banche e Mercati presso l’Università Politecnica delle Marche. La scelta della specialistica deriva dal fatto che durante la triennale avevo molto apprezzato materie come Tecnica Bancaria, Politica Monetaria, Macroeconomia ed ho voluto approfondire i miei studi in quella direzione. 

Ad oggi sono iscritto al corso di laurea magistrale in Economy, Management and Innovation presso l'Università degli Studi di Roma Unitelma Sapienza. Vista la passione per la tecnologia e l'innovazione, ho deciso di sfidare me stesso con l'obiettivo di conseguire una seconda laurea specialistica.

Pur avendo iniziato a lavorare, avevo voglia di tornare a studiare ed ho fatto l'immatricolazione nel mese di marzo 2020, nel pieno della pandemia, quando a causa del lockdown mi son ritrovato con molto più tempo a disposizione. 


Quale attività extra-universitaria pensi sia stata davvero importante per la tua carriera? Un consiglio che daresti a chi sta studiando in questo momento?


Tra il primo ed il secondo anno della specialistica, durante l'estate, ho trascorso un periodo di 4 settimane in Inghilterra a Newcastle.

Penso che questa esperienza sia stata fondamentale in quanto mi ha fortemente segnato dandomi una visione diversa sul mondo, sugli altri e su me stesso. Ho alloggiato in una famiglia ospitante e trascorso intere giornate con ragazzi provenienti di ogni parte del mondo. Sono partito per un semplice corso di inglese e sono tornato con un bagaglio culturale fatto non solo di nuove regole grammaticali e nuovi vocaboli, ma anche e soprattutto di tante esperienze interculturali.

Tornato in Italia sentivo già il bisogno di ripartire e ad ottobre dell'anno successivo sono partito per il Canada, destinazione Toronto.

Il mio consiglio è quello di fare una esperienza di studio o lavoro all’ estero alloggiando in una famiglia ospitante


Oggi lavori in ENGIE Italia: come ci sei arrivato e come si sono svolte le selezioni?


Sono arrivato in Engie Italia nel mese di novembre dello scorso anno. Ho inviato la candidatura tramite LinkedIn e dopo qualche settimana sono stato contattato per i colloqui (per la precisione 3 colloqui).

Prima di approdare in Engie ero un Process Consultant in Engineering Ingegneria Informatica dove ho scoperto la Robotic Process Automation che è diventata poi una vera e propria passione. In Engineering mi occupavo solo della parte di Discovery, mentre in Engie mi è stata offerta la possibilità di seguire i progetti di RPA end to end.


Di cosa ti occupi in qualità di RPA Analyst in ENGIE Italia?

 
Seguo tutti i progetti di automazione dei processi tramite RPA. L'RPA è una moderna tecnologia che permette l'automazione di attività ripetitive e standardizzate andando ad emulare il comportamento umano. Con la mia attività posso aiutare i miei colleghi, liberandoli dalle attività ripetitive ed a basso valore aggiunto, permettendo loro di dedicarsi ad attività a maggiore valore aggiunto dove è indispensabile la loro esperienza.


Negli ultimi anni hai lavorato sia in Italia che all'estero: quali sono le principali differenze che hai notato in ottica lavorativa?


In Canada ho lavorato presso l'Italian Chamber of Commerce of Ontario per 5 mesi. Un contesto dove l'influenza ed il modo di lavorare era molto italiano e quindi non ho notato differenze enormi.

L'esperienza in Canada è stata molto interessante in quanto mi ha permesso di scoprire due mondi e due culture. La prima è la cultura canadese in quanto ho alloggiato per l'intero periodo in una famiglia canadese imparando ad apprezzare la loro cultura e le loro abitudini, la seconda è la cultura Italo-canadese avendo lavorato nel pieno di Little Italy ed a stretto contatto con persone ed aziende gestite da italo-canadesi di prima e seconda generazione. 


Sei un recruiter? Scopri come digitalizzare le strategie di employer branding e recruiting della tua azienda grazia a tutored. Attrai e assumi giovani talenti: scopri Tutored Business.

Economia: stage e lavoro per giovani laureati
Vedi tutti
Vedi tutti