Lidl per l’Italia: ambasciatori del “Made in Italy”

Lidl per l’Italia: ambasciatori del “Made in Italy” image
LIDL Italia logo
Pubblicato il 5 giorni fa

LIDL Italia

Lidl e l’Italia, un matrimonio cominciato nel 1992 con il primo punto vendita di Arzignano (VI) e che, al suo 28esimo anniversario, può contare su oltre 660 filiali, 10 piattaforme logistiche e oltre 16.500 collaboratori.

Lidl Italia mira a sostenere l’economia nazionale non solo tramite investimenti e assunzioni, ma anche attraverso la promozione e valorizzazione della filiera agroalimentare italiana. Oltre l’80% dei prodotti offerti a scaffale sono, infatti, “Made in Italy” e, nel 2019, sono stati esportati prodotti italiani per oltre 1,6 miliardi di euro.

L’italianità rappresenta dunque uno dei pilastri imprescindibili della strategia aziendale. Un impegno ribadito anche nel corso della conferenza stampa in occasione dell’inaugurazione del nuovo supermercato milanese situato in via delle Forze Armate in cui è stato presentato il piano aziendale “Lidl per l’Italia” (ne abbiamo parlato qui: “Lidl per l’Italia”).

Massimiliano Silvestri, Presidente di Lidl Italia, durante la conferenza, ha commentato così: “Come Lidl continueremo a puntare sulle eccellenze del nostro Paese per valorizzarle sia in Italia che all’estero contribuendo ad un’importante fetta dell’export dei prodotti nostrani”.

Quali sono i numeri dell’export dei prodotti italiani?

Lidl Italia nel 2019 ha esportato nel mondo prodotti enogastronomici italiani per un totale di 1,6 miliardi di euro. Di questi, oltre 420 milioni di Euro sono generati dall’ortofrutta, acquistata da produttori italiani e venduta in tutti i supermercati Lidl nel mondo; in altri termini, da sola Lidl esporta circa il 9% del valore totale di export di frutta e verdura italiana a livello globale.

Numeri importanti, raggiunti grazie alla collaborazione con le piccole e medie imprese alimentari locali, spina dorsale del sistema economico del Paese.

Grazie a questa collaborazione tante PMI sono cresciute negli anni insieme a Lidl e possono esportare i loro prodotti sul mercato interazionale. Lidl Italia è anche esportatore verso i negozi Lidl degli altri Paesi – attualmente 29 per un totale di oltre 10.800 punti vendita, USA incluso.

L’obiettivo è di sviluppare un assortimento sempre più votato al territorio e alla sostenibilità anche attraverso la realizzazione di progetti ad hoc. Per esempio, nel 2018, è stata avviata una collaborazione con Filiera Agricola Italiana, grazie alla quale sono stati introdotti sui nostri scaffali i prodotti a marchio FDAI (Firmato Dagli Agricoltori Italiani). Tale marchio assicura una completa tracciabilità del prodotto attraverso il controllo di tutta la filiera. Questo progetto ci permette di promuovere in determinati periodi dell’anno prodotti della tradizione culinaria italiana dalla forte identità territoriale, favorendo un mercato sostenibile basato su una filiera trasparente.

Non solo agroalimentare, il supporto per aiutare la filiera italiana del tessile-moda

A maggio, nel pieno dell’emergenza Covid, Lidl Italia ha aderito al piano di Confindustria Moda, CNA Federmoda e Sportello Amianto Nazionale per il supporto della filiera del tessile-moda, uno dei settori più colpiti dall’emergenza Coronavirus. Nei punti vendita si possono, infatti, trovare le mascherine filtranti 100% Made in Italy.

Un’iniziativa che si è concretizzata grazie al piano denominato “Riconversione industriale nazionale Emergenza Covid” realizzato con l’obiettivo di raccogliere candidature di aziende operanti nel tessile-moda in grado di riconvertire la propria produzione in quella di mascherine, fondamentali in questo periodo di emergenza economico-sanitaria.

“Lidl per L’Italia nasce dalla nostra determinazione nel guardare al futuro con positività e ottimismo.”

Massimiliano Silvestri, Presidente Lidl Italia