Tutored incontra Pietro, vincitore della Unilever’s Future Leaders League

Tutored incontra Pietro, vincitore della  Unilever’s Future Leaders League image
Unilever logo
Pubblicato il 27 Agosto

Unilever

Unilever segue e guida costantemente gli studenti universitari con l’obiettivo di avvicinarli concretamente al mondo del lavoro. È per questo che ogni anno organizza la Unilever’s Future Leaders League, la marketing competition dinamica che riunisce studenti da tutto il mondo, desiderosi di sperimentare e conoscere più da vicino quali sono gli esempi di Leaders, cosa significa Leadership e come essa si evolve.

L’esperienza dell’UFLL è 100% pratica e permette ai partecipanti di capire e conoscere dall’interno il funzionamento di un business di successo e, al tempo stesso, di sviluppare competenze soft e hard che permetteranno loro di sperimentare e prepararsi per diventare leader di domani.

La Competition è suddivisa in due grandi parti, una prima parte nazionale e una seconda internazionale, dove i vincitori di ciascun Paese coinvolto si sfidano per aggiudicarsi il premio finale. 

Nell’edizione di quest’anno, che si è svolta in modalità digitale per via dell’emergenza Covid-19, Unilever e Tutored hanno collaborato insieme, proponendo una challenge dedicata a Gelateria Carte D’Or, il brand di Unilever lanciato appositamente per il formato da asporto dei prodotti della marca.

I team sfidanti si sono cimentati nel trovare una soluzione per rispondere ai quesiti richiesti nel business case, attraverso la realizzazione di un’analisi di mercato, l’elaborazione di una strategia e di un piano d’azione che hanno presentato alla giuria, composta da senior managers provenienti da funzioni diverse.

Insieme a Francesco e Beatrice, Pietro Campanella è uno dei membri di The Vanilla Surfers, la squadra vincitrice del round italiano, nonché terza classificata sul podio nel round mondiale! 

Quale università e quale percorso di studi hai scelto? 

Studio all’Università Bocconi di Milano e frequento il corso di Economia e Computer Science, cioè Data Science - (la sigla del corso specifico è Bemacs). 

Seppur molto giovane, hai già vissuto molte esperienze professionali, fino a fondare una tua startup. Di cosa ti occupi e come gestisci il tuo tempo tra università e lavoro?

Negli ultimi 4 anni mi sono occupato di tante cose di diverso tipo, ora il mio focus è fare consulenza a startup sulla prima fase di vita dell'azienda e sul go-to-market iniziale. Il mio tempo lo gestisco tendenzialmente molto male (Scherzo!). Al netto di tutto, è molto difficile bilanciare e spesso bisogna fare sacrifici da un lato e dall'altro. La cosa che più di tutto mi aiuta nel decidere come spendere il mio tempo è avere chiari i miei obiettivi così da poter valutare tutte le opportunità che mi arrivano in funzione di questi.

Ti sei candidato per partecipare alla UFLL tramite tutored: come hai scoperto la challenge? Com'è stato il processo di candidatura e selezione? 

Me ne ha parlato Beatrice, la mia compagna di squadra, nel team The Vanilla Surfers. Abbiamo mandato un nostro CV e dopo poco ci hanno confermato che eravamo entrati e abbiamo iniziato la sfida. 

Che tipo di esperienza è stata per te l’UFLL: descrivila in una parola

Scoperta. In questa challenge ho scoperto un'azienda che non conoscevo dall'interno, conoscendo un mondo completamente nuovo per me e che ho apprezzato molto. Ho anche scoperto 2 teammate fantastici e un modo di lavorare che ci ha portato a performare in un modo che mi è piaciuto molto.

Cos'hai imparato da quest'esperienza? Credi siano importanti questi tipi di attività? Perché? 

Da questa esperienza ho imparato molte cose sull'ambiente corporate e sui brand di dove. Ho imparato quali sono le sfide sia dei leader che dei follower di due categorie interessantissime.

Queste attività sono incredibilmente importanti perché aiutano a crescere, a conoscere se stessi e gli altri sempre meglio e ci permettono di prepararci al mondo al di fuori dall'università. Oltre a questo sono un bellissimo modo per mettersi alla prova e, se siete come me, gustare un po' di sana competizione.

 

Leggi tutte le storie del team: 

- Tutored incontra Francesco

- Tutored incontra Beatrice