Mirta: da au-pair girl ad una laurea in ingegneria

Mirta: da au-pair girl ad una laurea in ingegneria image Mirta: da au-pair girl ad una laurea in ingegneria
Pubblicato 20 Marzo

Mirta: da au-pair girl ad una laurea in ingegneria


"Percepire i miei limiti personali, con la voglia di superarli sempre"
 

Il percorso universitario di Mirta è sicuramente unico nel suo genere. Dopo un anno trascorso in Svizzera, a Ginevra, come ragazza alla pari dopo il liceo, decide di iscriversi al Bachelor in Economics and Management all'Università Cattolica di Milano per poi intraprendere un percorso di laurea magistrale in Management Engineering al Politecnico di Milano, che inizierà a Settembre.

E' l'esperienza come ragazza alla pari che rende il suo percorso unico. Durante l'anno in Svizzera ha avuto la possibilità di vivere autonomamente per la prima volta, lontano da casa, riuscendo a diventare più autonoma, prendendosi cura, oltre che di sè stessa, anche di due bambini di 5 e 12 anni.

"Per me è stata un continuo arricchimento sia a livello culturale, perchè i bambini parlavano due lingue e cambiavano continuamente tra francese ed inglese, sia a livello umano ed emotivo perchè è stato veramente incredibile. Siccome mi occupavo dei bambini nel pomeriggio, dopo un mese in Svizzera, ho trovato lavoro come grafica in una catena di ristoranti per le pubblicità online ed offline."


L'esperienza universitaria


Dopo l'esperienza a Ginevra, Mirta ha deciso di iscriversi ad un corso di laurea in inglese all'Università Cattolica, con l'idea di mantenere la dimensione internazionale che aveva sperimentato e che le era tanto piaciuta in Svizzera, per poi decidere di iscriversi al Politecnico di Milano per la laurea magistrale.

"Pechè Economics and Management? E' un motivo principalmente personale, dato che i miei genitori hanno una impresa famigliare e mi hanno sempre appassionata tematiche relative alla gestione aziendale e ai processi. Inoltre, ho deciso di studiare in inglese, con l'obiettivo di entrare a far parte di un ambiente internazionale, con studenti provenienti da tutta Europa e da tutto il mondo."

Oltre al percorso accademico l'esperienza di Mirta è stata arricchita da diverse attività extra-curriculari. Durante la triennale ha lavorato per JECATT, la junior enterprise dell'Università Cattolica, nell'area marketing dell'associazione. Successivamente, ha partecipato alla organizzazione del World Economic Forum a Davos, in Svizzera ed infine ha lavorato presso la Banca IFIS ad un progetto relativo ai futuri trend del mondo dei leasing.

"L'opportunità in JECATT è stata per me una sorta di palestra per il futuro. L'università dà l'opportunità di apprendre e mettere in pratica un sacco di conoscenze e avere a che fare con veri e propri clienti, realizzare per loro business plan o piani di marketing è qualcosa che in classe si studia, ma effettivamente non si ha la possibilità di mettere in pratica."

"Ho avuto la possibilità di partecipare all'organizzazione dell'annual meeting del World Economic Forum. Sono stata inserita nel team che si occupa della messa in streaming delle conferenze e workshop che si tenevano. Sono stati dei giorni intensissimi in quanto l'evento durava tre giorni, dalla mattina fino alla sera, e ho avuto l'occasione di parlare con personaggi molto importanti ed influenti. La cosa difficile era rispettare le tempistiche in quanto non si poteva tardare, essendo un evento di portata globale"

Ultima esperienza lavorativa è stato lo stage in Banca Ifis, iniziato a Gennaio di quest'anno. E' stata selezionata dal professore di Corporate Finance per la realizzazione due progetti: il primo relativo all'indagine dei trend del leasing dei beni strumentali, il secondo, invece, volto ad analizzare il comportamento delle PMI italiane rispetto ai prinicipali trend sul web, come ad esempio la sostenibilità.

"Utilizzando piattaforme di Big Data, abbiamo analizzato i trend più ricorrenti sul web e cercato di capire quali aziende italiane andassero verso quei trend, provando a realizzare una ricetta perfetta per una PMI italiana. Per la prima volta ho lavorato con piattaforme di Big Data e i risultati dello studio sono stati esposti durante un evento dove era presente l'intero personale di Banca IFIS."


L'arrampicata e la passione per l'organizzazione


Grandi passioni di Mirta sono gli sport, in generale. Due su tutti, la corsa e la arrampicata, vedendo in questi una grande sfida con se stessa.

"L'arrampicata è uno di quegli sport che mi fa percepire i miei limiti personali, legati ad alcune sfide e mi fa venire voglia di supererare gli stessi. Durante una scalata a volte si sente proprio quell'emozione che ti fa dire "No, non ce la posso fare" e dopo cinque, sei volte riuscirci è una bella soddisfazione."

Grande sogno nel cassetto per Mirta è organizzare eventi, dai più piccoli ai più grandi, e diventare Event Planner.

"Sono sempre stata molto organizzata, fin troppo, tanto che alcuni amici mi definiscono fin troppo rigida nel rispettare i piani. Raggiungere il massimo obiettivo, nel minor tempo possibile è una delle mie doti principali e penso sia una caratteristica che non possa mancare in chi voglia organizzare un evento."

 

Sei alla ricerca di talenti come Mirta? Continua la tua caccia qui.

Le opportunità di carriera più popolari su tutored
Vedi tutti
Vedi tutti