CTF: gli sbocchi per i laureati in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche

CTF: gli sbocchi per i laureati in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche image CTF: gli sbocchi per i laureati in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche
Pubblicato 9 Giugno

CTF: scorpi gli sbocchi lavorativi e le opportunità di carriera per i laureati in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche 


La laurea in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche prevede un corso a ciclo unico della durata di cinque anni. Durante la formazione gli studenti acquisiscono conoscenze di matematica e fisica ma soprattutto una conoscenza approfondita della chimica. Durante il percorso c'è la possibilità di scegliere un certo numero di crediti, oltre all'obbligo di frequentare laboratori e tirocini. Le conoscenze acquisite da chi consegue una laurea in CTF consentono di affrontare tutte le problematiche che riguardano il farmaco. Quali sono, allora, gli sbocchi lavorativi per i laureati in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche?

Quali aziende assumono giovani laureati del CTF?

Alcune delle realtà che sono spesso alla ricerca di laureati in CTF sono ad esempio Merck, Pfizer, Novartis, Merck&Co, Bayer, Johnson and Johnson, Sanofi, Hoffmann-LaRoche, Abbott e GlaxoSmithKline

 

CTF: le possibilità lavorative 

Uno dei settori in cui i laureati in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche è, ovviamente, l'industria Chimica-Farmaceutica: in questo articolo ne abbiamo parlato nel dettaglio.


Vista la completezza del corso, le possibilità occupazioni sono molte. Approfondendo la chimica e le tecnologie del farmaco, i laureati possono inserirsi in ambiti diversi e specializzati. Chi ha conseguito il titolo può operare tanto nelle aziende farmaceutiche quanto in quelle alimentari e cosmetiche. Come per i laureati in Farmacia, anche chi termina questo percorso di studi può diventare farmacista, dopo aver superato l'Esame di Stato ed essersi iscritto all'Albo, per lavorare in farmacie sia pubbliche che private e ospedaliere. Ma diversamente dai laureati in Farmacia, è più probabile che chi esce da CTF abbia un'occupazione nell'industria farmaceutica, soprattutto all'estero.

Oltre a questo, un laureato in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche può lavorare nelle ASL, nelle parafarmacie e nelle erboristerie. In questi contesti, infatti, non solo si richiede una buona conoscenza del prodotto, ma spesso si ricerca anche una consulenza. Si può occupare anche della produzione, dell'analisi e del controllo dei prodotti farmaceutici o cosmetici.

 

Per concludere, i ruoli che vengono ricoperti maggiormente da chi consegue questa laurea sono:

- Farmacista
- Ricercatore
- Tecnico del controllo della qualità
- Responsabile di fabbricazione, conservazione e distribuzione dei medicamenti
- Produzione, analisi e controllo qualità dei prodotti cosmetici
- Erborista
- Industria dietetico-alimentare

Chiaramente, per gli studenti che vogliono continuare gli studi sono attivi bandi per il dottorato di ricerca, Master di II livello e Scuole di Specializzazione (come ad esempio Farmacia ospedaliera).

Sei pronto ad entrare nel mondo del lavoro? Entra in tutored: puoi creare e aggiornare il tuo profilo professionale, scoprire le aziende che ricercano profili come il tuo e candidarti a opportunità di stage e lavoro in linea con le tue ambizioni! Inizia ora.

Scienze: stage e lavoro per giovani laureati
Vedi tutti
Vedi tutti