Informazioni generali sull’Università di Palermo

L’Università degli Studi di Palermo (UniPa) è un’ università statale italiana fondata il 12 gennaio 1806. Precedentemente era denominata Regia Accademia degli Studi. È una delle maggiori università italiane per numero di iscritti. La sede del Rettorato è situata nello storico Palazzo Chiaramonte-Steri, mentre buona parte delle altre strutture sono nel Parco d’Orleans.

La Storia dell’UniPa

La città di Palermo, nonostante fosse la capitale dell’Impero normanno, rimase per lungo tempo priva di università. A Palermo nel Quattrocento esistevano lo Studio francescano e lo Studio generale.

Nel 1550, questi due Studi vennero sopraffatti dalla nascita del Collegio dei Gesuiti, che però cessò l’attività nel novembre 1767, con l’espulsione dei Gesuiti del Regno di Napoli e Sicilia.

Il 5 novembre 1779 sorse a Palermo la Regia Accademia degli studi San Ferdinando, negli stessi locali del precedente Collegio Massimo dei Gesuiti.

Nel 1804, con il ritorno in Sicilia dei Gesuiti e non essendo più disponibili i locali utilizzati fino ad allora, l’Accademia si dovette spostare presso la Casa dei Teatini, attuale sede della Facoltà di Giurisprudenza.

Nell’agosto del 1805 Federico di Borbone decise il riconoscimento dell’Accademia panormita degli studi in Università degli Studi, e i corsi cominiarono il 12 gennaio 1806.

Il governo borbonico cercò di ampliare subito l’ateneo istituendo nuove cattedre, la scarsità di risorse però non permise, almeno inizialmente, di utilizzare docenti forestieri.
Negli anni trenta l’Università di Palermo istituì nuove facoltà:

  • Facoltà di Ingegneria 1923
  • Facoltà di Economia e Commercio 1937
  • Laurea Scienze Politiche 1939
  • Facoltà di Agraria 1941
  • Laurea in Architetura 1944
  • Laboratorio di fisica sperimentale, Emilio Segre 1936

Le sedi dell’UniPa

1. Parco D’Orleans
La cittadella universitaria, il cui perimetro si estende lungo via Ernesto Basile, alla periferia sud della città, è attraversata per tutta la sua lunghezza da viale delle Scienze. Al suo interno hanno sede le facoltà di Agraria, Ingegneria, Economia, Architettura, Lettere e Filosofia e Scienze della Formazione. All’interno del campus è presente uno dei dormitori, una mensa, una banca e punti ristoro e di servizi. Sono inoltre presenti due aree verdi, nelle vicinanze del Parco d’Orleans, dove sono in atto lavori di rifacimento e allargamento.

2. Via Archirafi
Presso il polo di via Archirafi ha sede la Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali e i dipartimenti dell’area fisica, geologica, chimica, biologica, matematica-informatica, farmaceutica e naturalistica nonché le strutture didattiche attivate dai relativi dipartimenti. Lungo la trasversale via Lincoln si accede all’Orto botanico. L’intera struttura è composta da un susseguirsi di corpi bassi, uno per ogni dipartimento, dotati anche di piccole biblioteche ed aule lettura. In una delle traverse della via principale, si trova anche un Laboratorio di Informatica.

3. Via Maqueda
Le facoltà di Giurisprudenza e Scienze Politiche si trovano nella centrale Via Maqueda presso due palazzi storici. In particolare la facoltà di Giurisprudenza dispone dell’edificio Casa dei teatini che fu la prima sede dell’università di Palermo.

Il Sistema Bibliotecario dell’Università di Palermo

Il Sistema bibliotecario d’Ateneo, al cui patrimonio e ai cui servizi possono accedere oltre agli utenti interni (studenti, docenti e personale tecnico, amministrativo e di biblioteca) anche quelli esterni previa presentazione e accreditamento, è costituito da 12 biblioteche centrali di Facoltà e da 51 biblioteche di Dipartimento, articolate in circa 110 punti di servizio con 3 600 posti di lettura, da cui il pubblico accede ai servizi di informazione, consultazione e prestito. Il patrimonio complessivo (2014) è di circa 1 118 662 monografie, 254 014 annate di periodici (con 1 032 abbonamenti in corso a periodici cartacei e 315 abbonamenti in corso a periodici elettronici e basi di dati), 5 043 CD-ROM e DVD, 1 300 microforme (microfilm, microschede e simili), 14 460 spartiti musicali, carte geotopografiche e altri documenti su carta, e tramite la biblioteca digitale permette di accedere ai periodici elettronici e alle basi di dati. L’emeroteca virtuale è accessibile da qualsiasi terminale connesso alla rete universitaria e su internet tramite VPN, previa attivazione del servizio.

Curiosità

  • Circa il 1/3 degli studenti iscritti all’UniPa sono fuoricorso e questo ha portato il senato accademico a costringere alla reimmatricolazione e alla perdita delle materie variate tra i piani di studi chi non si laurea entro il 2014, in quanto la ripartizione dei fondi statali è fatta in base agli immatricolati e non agli iscritti totali.
  • L’Università di Palermo aderisce al Consorzio Nettuno (Network per l’Università ovunque) attraverso il suo polo tecnologico.
  • Gli studenti dell’UniPa hanno fondato una radio dal nome Libertà di Frequenza.
  • L’accesso alle donne fu consentito solo nel 1876.
  • Oggi è in atto una fase di ‘reingegnerizzazione’ di tutti i processi amministrativi. Alcuni esempi sono: la WiFi del Campus Universitario, Il VoIP per le chiamate all’interno degli uffici, la gestione delle pratiche di immatricolazione ed iscrizione esclusivamente online.

 

[fonte: Wikipedia]

Architettura
Medicina
Culture e società
Ingegneria
Fisica e Chimica
Giurisprudenza
Matematica
Agraria
Scienze della Terra
Economia
Scienze Politiche
Psicologia
Scienze Umanistiche
Scienze Umanistiche