3/12/2017

Qual è l’esame più difficile di Giurisprudenza?

Quali sono gli esami più difficili della facoltà di Giurisprudenza e come fare a superarli?

Passare Diritto Privato è diventato il tuo chiodo fisso, oppure vuoi sapere come sarà la tua vita nel caso ti iscrivessi a Giurisprudenza. Per scoprire quali sono gli esami più difficili di giurisprudenza abbiamo intervistato i nostri utenti. Abbiamo chiesto di indicare le materie in cui hanno avuto più difficoltà, assegnando di volta in volta un voto da 1 a 10, dove 10 indica il momento in cui hanno seriamente considerato di mollare tutto e scappare in Indonesia! Questa volta, inaspettatamente, hanno risposto ben 3000 studenti! Questi sono i risultati che abbiamo elaborato.

 

1. Procedura Civile voto: 9.5/10

Si tratta sicuramente uno degli esami più lunghi e complessi del corso. I continui aggiornamenti non facilitano il compito di prepararsi al meglio. Fondamentale per procedura è fare una lettura generale, successivamente riassumere e fare delle mappe concettuali dei diversi argomenti, in modo da poter ripetere più facilmente ed esercitarsi a fare dei collegamenti validi.

 

2. Diritto Commerciale voto: 9.3/10

Diritto commerciale è un esame complesso e molto articolato, con numerose regole da imparare a memoria. Per questo come per altri esami è necessario ripetere tanto e se aiuta scrivere e schematizzare il più possibile le parti puramente nozionistiche. Bisogna riconoscere che è un esame molto attuale, quindi cerca di trovarne delle applicazioni nel mondo dell’economia: farai capire al professore che hai capito, oltre ad aver studiato!

 

 3. Diritto Penale voto: 9/10

La preparazione di questo esame si potrebbe dividere in due modalità secondo la divisione della materia: parte generale e parte speciale. Per la prima infatti è necessario leggere più volte al fine di capire i concetti chiave alla base della materia.

Per quanto riguarda la parte speciale, è fondamentale studiarla con il codice! Questo significa che nella maggior parte dei casi studiare e ripetere le singole fattispecie di reato significa fare una precisa e puntuale analisi del testo dell’articolo di riferimento. Quindi ripeti fino allo sfinimento, fino a che non sei sicuro di aver assimilato davvero tutte le differenze tra le fattispecie.

 

4. Diritto Privato voto: 8.9/10

Eccoci arrivati alla fatidica materia. Evidentemente per gli studenti che abbiamo intervistato passare diritto privato non è stata la prova più difficile! Fondamentale per diritto privato è la comprensione dei concetti base che saranno la guida per tutto il corso di studi.

Per una chiara comprensione è consigliato fare per prima cosa una lettura generale, successivamente riassumere e fare delle mappe concettuali dei diversi argomenti in modo da esercitarsi a fare dei collegamenti. Altro elemento chiave per superare l’esame è capire gli esempi riportati dai manuali.

Così, potreste anche ritrovarvi all’esame e non ricordare la definizione esatta e i termini specifici, ma potreste comunque riuscire a dimostrare la vostra preparazione con un esempio valido e coerente. Per passare diritto privato il manuale più adatto e con gli esempi più chiari è sicuramente il Torrente. Ti consiglio di consultarlo anche in caso non fosse il vostro manuale di riferimento. Stai tranquillo, non serve impararlo tutto a memoria per passare diritto privato!


5. Diritto del Lavoro voto: 8.5/10

Diritto del Lavoro è un esame piuttosto lineare, ha il grande vantaggio di affrontare dei temi di cui spesso si legge sui quotidiani e di cui in generale si discute molto. Allenarsi a fare riferimenti a fatti o novità dell’attualità può essere la chiave per un 30 assicurato!


6. Diritto Pubblico voto: 8/10

Studiare la Costituzione a menadito è il primo passo per preparare questo esame. Altri argomenti sicuramente da sapere benissimo sono: le differenze tra decreto legge e decreto legislativo, l’iter legislativo, il processo di riforma della Costituzione, i poteri del Presidente della Repubblica e, ultimi ma non meno importanti, i Diritti Fondamentali.


7. Diritto Romano voto: 7/10

Diritto Romano in molti casi non si presenta come un esame eccessivamente complesso, di certo è meno difficile che passare diritto privato. E’ vero anche che se non hai studiato latino al liceo può diventare un problema, a causa che dei continui riferimenti ai brocardi o degli interi testi latini da analizzare. In tutti questi casi conviene munirsi di una traduzione italiana da affiancare al testo latino, evidenziare in entrambi i concetti chiave che il manuale sottolinea e analizza per una comprensione del testo più facile. Questo certamente ti aiuterà anche ad esporre in maniera chiara anche se viene proposto il solo testo latino in sede d’esame. Inoltre ti, può far comodo avere sempre davanti una linea del tempo per collocare correttamente gli avvenimenti e i cambiamenti più importanti senza fare confusione.


Discover Tutored