Ingegneria gestionale: cosa fare dopo la laurea?

Ingegneria gestionale: cosa fare dopo la laurea? image Ingegneria gestionale: cosa fare dopo la laurea?
Pubblicato 9 Giugno

Ingegneria gestionale: cosa fare dopo la laurea? Quali sono gli sbocchi lavorativi?

 
Che la laurea in ingegneria gestionale sia resistente anche nei periodi di crisi è appurato. E’ il percorso universitario che offre il più ampio ventaglio di possibilità lavorative, ma una laurea in Ingegneria Gestionale apre prima di tutto le porte a ruoli manageriali e di direzione all’interno di aziende, multinazionali e start-up. Proprio perché la formazione punta a creare tecnici in grado di organizzare, gestire, scientificamente processi produttivi, risorse umane o a risolvere problemi legati alla logistica, ai trasporti e a moltissimi altri ambiti, una mente ingegneristica unita a un approccio business creano il candidato ideale per un posto di lavoro. 


Sono soprattutti i comparti in cui è necessario prendere decisioni strategiche ad assorbire i laureati in ingegneria gestionale che, in Italia, godono di uno stipendio medio attorno ai 36 mila euro l’anno (fonte) offerto in base a diversi inquadramenti previsti dai contratti collettivi nazionali di settore (es. un ingegnere gestionale del comparto metalmeccanico sarà inquadrato con le tabelle retributive  previste dal CCNL corrispondente). 

 

Perché studiare ingegneria gestionale

Qui in tutored abbiamo un punto di vista privilegiato sui profili richiesti dal mercato del lavoro e sappiamo che le imprese non cercano solo laureati in economia e management, ma puntano proprio agli ingegneri gestionali  perché, a differenza dei profili di economia, hanno competenze matematiche e modellistico- quantitativo nell’approccio ai problemi decisionali.


Cosa si aspettano le aziende dai laureati in Ingegneria Gestionale?

Gli sbocchi professionali di un laureato in ingegneria gestionale sono davvero moltissimi. Vista la sua formazione multidisciplinare il neolaureato è in grado di affrontare problemi di produzione e gestione, interagendo con ingegneri con un formazione più tecnica Se potessimo riassumere brevemente i settori o le industry in cui oggi un laureato o una laureata in ingegneria gestionale può trovare lavoro, dovremmo per forza elencare:


- Logistica e Trasporti, basti pensare ad Amazon, DHL, Poste Italiane e alla necessità di organizzare e ottimizzare spostamenti, carichi e consegne;
- GDO e grande distribuzione, perché la distribuzione capillare sul territorio di catene e negozi richiede un management specifico come ad esempio LIDL Italia;
- Industria manifatturiera e Industry 4.0 ambiti in cui l’ingegnerizzazione delle filiere tramite robotica e automazione richiede una progettazione ad hoc;
- Space Economy vale a dire il settore della liberalizzazione dei servizi per l’industria spaziale e che assume ingegneri e manager in grado di accompagnare l’acquisizione di fette di mercato;
- Business consultancy comparto che comprende tutto il settore delle società di consulenza a fianco delle aziende e delle multinazionali come PwC, KPMG, Accenture.
- Consulenza informatica e IT ovvero i servizi di consulenza specifici per le soluzioni tecnologiche e informatiche come ad esempio Altran, Avanade, Reti oltre a quelle citate in precedenza.
- Food industry e processazione di alimenti, un grande comparto in cui l’ingegneria del processo di produzione è legato alla sicurezza dei prodotti lavorati e poi venduti sul mercato.

 

I profili di ingegneria gestionale ricercati

Quanto ai lavori veri e propri, ecco che tipo di mestiere si può fare una volta usciti da Ingegneria Gestionale o Management Engineering:


Supply Chain Manager. E’ il ruolo di chi gestisce  il processo diretto a trasferire un prodotto o un servizio dal fornitore al cliente. L’obiettivo è quello di migliorare le prestazioni e l’efficienza dell’intero flusso di approvvigionamento risorse e stoccaggio di prodotti finiti.

 


Software developer. E’ uno dei profili più richiesti dal mercato del lavoro e molto ben retribuito. Si tratta di chi materialmente scrive il codice per la realizzazione di siti, piattaforme, strutture informatiche e le testa per il mercato. Anche se non è il primo e fondamentale sbocco lavorativo per chi studia ingegneria gestionale, moltissime aziende e società di consulenza cercano profili da formare per lo sviluppo di app, software e database. Basandoci sui profili ricercati dalle imprese qui ti spieghiamo cosa fa ad esempio un Java developer, qui un .Net developer e qui ancora un iOS developer. Se ti interessa la programmazione informatica, su tutored trovi numerose opportunitò di carriera per te: annunci di lavoro per developer.


Consulente IT. Un IT Consultant ha un compito: aiutare le imprese a scegliere la soluzione di information technology più adatta tra le migliaia esistenti, per soddisfare un bisogno specifico o  realizzare un obiettivo. Nel caso specifico, chi ha un background ingegneristico è chiamato ad applicare questa materiale per la risoluzione di problemi di calcolo, dai più semplici a più complessi, fino agli algoritmi e ai sistemi di sicurezza e blockchain (Scopri di più sul Junior IT Consultant).


Logistic manager. In questo ruolo un ingegnere gestionale si occupa specificamente del comparto logistica e trasporti, calcolando i  progettando i percorsi più efficienti per far arrivare la merce a destinazione o per migliorare le prestazioni di consegna. Per quanto riguarda le competenze tecniche, le aziende richiedono la conoscenza dei software SAP e delle logiche MRP. In genere il logistic manager è ricerca da società come Amazon e DHL  ma anche dal comparto GDO. Entrando in Tutored potrai accedere a più annunci direttamente sulla nostra piattaforma.


Data manager. Questo lavoro consiste nel gestire e analizzare i dati di un determinato settore produttivo per pianificare al meglio le strategie di penetrazione di uno o più mercati. Spesso è un ruolo offerto nel settore automotive in società come FCA, Maserati o CNH con task organizzative e di coordinamento.


Salesforce analyst. E’ il profilo assunto per studiare i dati di vendita e che aiuta l’impresa a orientare le proprie scelte commerciali. In genere è in grado di monitorare,per esempio, quanti e quali prodotti sono stati venduti maggiormente in un determinato momento, quali invece hanno deluso le aspettative di distribuzione tra il pubblico e per quale motivo. Scopri di più: Salesforce Analyst, Salesforce Developer e Salesforce Consultant: chi sono, opportunità, retribuzione.


Business analyst e Business Intelligence analyst. Questa posizione è offerta generalmente nel settore della consulenza e da realtà come PwC, KPMG, Accenture e simili per conto di aziende loro clienti. Consiste nell’elaborare strategie per creare nuove opportunità di business consigliando le società su quali mosse compiere per ottenere un buon posizionamento di mercato. A differenza di un consulente strategico, però, un ingegnere gestionale deve elaborare una strategia basandosi sull’analisi dei dati e deve essere in grado di redigere un business plan con scenari elaborati su base statistica (leggi anche Business Consultant: mansioni, opportunità di carriera, retribuzione business consultant.


Con quanti altri profili devo competere per un posto di lavoro?

Secondo il report curato da Unioncamere-Excelsior per il periodo 2019-2023 gli ingegneri avranno accesso a circa 115 mila - 127 mila nuovi posti di lavoro a fronte di un numero di laureati inferiore, circa 92 mila. 

Ingegneria Gestionale: annunci di stage e lavoro
Vedi tutti
Vedi tutti